Pane e olio? Ridatelo ai bambini di oggi, è miracoloso per la loro salute. Non date merendine.

2024

Condividi su:

L’accostamento di pane e olio è molto antico, infatti il primo ingrediente veniva già preparato ai tempi dell’Homo Herectus che macinava il grano con le pietre, e l’introduzione dell’olio nella nostra Penisola risale alla Colonizzazione Greca. Questa merenda del passato è stata reinserita recentemente nei menù degli chef.

Quante volte le nostre nonne ci hanno preparato questo spuntino per farci passare la fame? Una fetta di pana e un filo d’olio, cosa c’è di più sano?

L’olio extravergine di oliva è ricco di polifenoli (sostanze antiossidanti) ed è un vero toccasana per il nostro corpo. E’ un gastroprotettore, infatti aiuta a digerire e a prevenire i disturbi gastrointestinali, ma riesce a ridurre anche il livello del colesterolo cattivo. E’ consigliato sia come merenda ma anche come colazione, infatti a digiuno protegge le mucose dello stomaco. L’acido oleico ha effetti benefici sul cuore e sull’apparato cardiovascolare, l’oleuropeina svolge un’importante azione antitumorale e l’oleocantale aiuta a prevenire malattie come il morbo di Alzheimer. Inoltre fa bene alla pelle e ai capelli, infatti viene utilizzato in molti prodotti per la cosmesi.

Per il pane si consiglia di usare quello integrale, più ricco di fibre, con grano macinato a pietra, poiché viene lavorato in maniera più lenta così che il chicco conservi tutte le sue proprietà organolettiche.

Condividi su: