E’ il più grande del mondo ed è considerato un ottimo afrodisiaco: “colui che scava in profondità”

29756

Condividi su:

Si chiama geoduck ed è il mollusco più grande e più longevo del mondo. Il suo nome significa “colui che scava in profondità” e gli è stato dato dalla tribù di nativi americani Nisqually, nello stato di Washington, negli Stati Uniti. Il suo nome scientifico è Panopea generosa ma è anche chiamato vongola con la proboscide e in effetti assomiglia al mollusco bivalve che troviamo sulle nostre spiagge, solo che è molto molto più grande. La conchiglia misura circa 40 cm di lunghezza e da qui parte una lunga protuberanza, il sifone, che ricorda la proboscide di un elefante e che può raggiunge persino un metro di lunghezza. Solitamente un geoduck pesa circa 1 chilo ma può arrivare fino a 7.

E non è finita qui perché, oltre a essere il mollusco più grande del mondo, è pure uno degli animali più longevi del pianeta: può superare tranquillamente i 100 anni di età. In Canada è stato ritrovato un esemplare di ben 168 anni. Ed è proprio in questa zona, tra coste canadesi occidentali, Alaska e Washington che è originaria questa specie. Il geoduck vive in profondità e può rimanere nello stesso punto, nascosto sotto la sabbia, per tutta la sua lunga esistenza. E quindi come fa ad arrivare in tavola? Viene allevato in mare. Le conchiglie sono seminate sotto la sabbia e dopo 5 anni (ma anche di più) raggiungono la dimensione giusta per essere raccolte e commercializzate. In alcune culture, come quella cinese, il geoduck è considerato un ottimo afrodisiaco: nella cucina asiatica, in particolare in Cina e a Hong Kong, è un ingrediente super richiesto.

Il sapore del geoduck è dolce e marino e la sua consistenza croccante, soprattutto se parliamo del sifone (la proboscide), lo rende diverso da tanti molluschi e perfetto per essere proposto crudo, in sushi, sashimi, carpacci, ceviche o in insalata: in questo caso si taglia a fettine sottili. Se invece pensi di cuocerlo, si può friggere oppure saltarlo in padella o nel wok, prima della cottura è meglio battete la carne in modo da renderla più tenera. Il corpo invece, per la sua consistenza più morbida e il sapore più intenso, è l’ideale alla griglia, magari sotto forma di spiedini, o nelle zuppe. Pulirlo è facile, basta lavarlo con acqua e sale, poi si deve scottare 30 secondi in acqua bollente e, immediatamente dopo, passarlo nel ghiaccio per bloccarne la cottura. In questo modo sarà più facile togliere la pelle dal sifone. Per aprire la conchiglia serve un coltello dalla lama lunga con cui poi si può estrarre il geoduck. A questo punto la vongola con la proboscide è pronta per essere gustata, cruda o cotta.

Condividi su: