Dall’Italia fondi per Notre-Dame mentre i terremotati ancora aspettano. Sarebbe successo a Pesaro.

709

Condividi su:

La notizia della volontà di organizzare una raccolta fondi per la ricostruzione della cattedrale di Notre-Dame, da parte del sindaco di Pesaro Matteo Ricci, pubblicata dallo stesso nei propri social all’indomani del rogo parigino, non è piaciuta affatto ai terremotati del centro italia che nella pagina Facebook “Terremoto Centro Italia” hanno commentato in malo modo.

Scriveva così il sindaco di Pesaro l’altro ieri: “Grande tristezza in città per l’incendio di uno dei luoghi sacri e monumentali più importanti del mondo. Ma Notre-Dame risorgerà e noi vogliamo essere subito vicini e solidali. Ho appena scritto al Presidente Emmanuel Macron per ribadire il nostro invito al Rossini Opera Festival durante il quale organizzeremo una serata internazionale di raccolta fondi per la ricostituzione della Cattedrale”.

Tralasciando i commenti più accesi che non è possibile riportare, tra quelli “pubblicabili”, una signora scrive: “Non posso crederci, siamo fuori dal mondo. Con tutto quello di cui ha bisogno il centro Italia mi sembra assurdo e fuori luogo questa raccolta fondi”. Qualcun’altro commenta: “Dopo però la portiamo a Pesaro Notre Dame? Sempre a pensare per gli stranieri, ma pensate per quelli di casa vostra, c’è gente che ha tanto bisogno di aiuto tra noi italiani, i terremotati, per esempio, io non ho parole”.

“Ma volete mettere Notre Dame de Paris – scrive un signore ironicamente – con Santa Maria in via di Camerino? Non c’è paragone. Ricci chiaramente ha fatto i suoi conti e si è messo dalla parte della Madonna che conta di più!”. Uno dei commenti successivi riguarda l’arte sacra nostrana: “Ma questa è bella, ci sono cattedrali inagibili in tutte le Marche, e un sindaco marchigiano si permette di organizzare una raccolta fondi per Parigi? E Camerino allora? Visso? Ascoli? Matelica, Treia, S.Severino? San Ginesio, Caldarola, Castelsantangelo, Amandola? Metà delle Marche sono un colabrodo (Non Pesaro ovviamente) e lui organizza una raccolta fondi per Parigi?”.

Tranne qualche eccezione, sono più o meno dello stesso tenore anche le decine e decine di commenti successivi e la critica non ha risparmiato neppure la fonte della notizia, ossia il post pubblicato da Ricci che parlava dell’intenzione di raccogliere fondi per Notre-Dame, dove una signora accusa il sindaco di speculare sulla tragedia parigina per pubblicizzare il Rossini Opera Festival. Scrive infatti la donna: “Perché questo post mi sembra tanto un modo di approfittare di una tragedia per pubblicizzare il ROF con il progetto di una raccolta fondi che, se realmente voluta, potrebbe partire già da oggi, come sta accadendo in Francia e in altri Paesi del mondo?”.

Tralasciando il discorso dei terremotati, per concludere, sempre dalla pagina social di Matteo Ricci, una donna invita il sindaco a pensare alle persone costrette a cercare il cibo nei cassonetti a Pesaro, nelle Marche e in Italia.

Condividi su: