Cani e gatti avvertono il terremoto anche con 10 minuti di anticipo: ecco i segnali da riconoscere

2524

Condividi su:

Da tempo si ritiene che gli animali riescano a prevedere in anticipo i terremoti: in tal senso, prima dell’arrivo di una scossa, generalmente i cani abbaiano, i gatti si agitano e gli uccelli volano via. Secondo quanto riportato da “Repubblica.it”, è come se avessero un sesto senso nel percepire l’arrivo di un pericolo. Ora, però, è arrivata anche la spiegazione scientifica del perché riescano a percepire in anticipo il sisma prima che avvenga.

TERREMOTO, ECCO PERCHÉ GLI ANIMALI LO PERCEPISCONO PRIMA

I ricercatori dell’Università di Cambridge, infatti – come riportato da “Repubblica.it” – hanno studiato il comportamento dei roditori in Perù, Paese altamente sismico, ed hanno scoperto che riescono a percepire in anticipo gli ioni positivi che vengono rilasciati nell’aria dalle rocce poste sotto stress dall’imminente arrivo del terremoto.

TERREMOTO, QUALI SEGNALI OSSERVARE NEI CANI E NEI GATTI?

Secondo quanto riportato dallo studio realizzato dall’Università britannica, dunque, gli animali riescono a reagire come delle “spie” per il terremoto, lasciando il luogo dove ci sarà il terremoto prima che il sisma si verifichi, in quando riescono a percepire in anticipo il pericolo. In conclusione, dunque, se vedete che il vostro cane o il vostro gatto sta scappando impaurito, con l’intento di lasciare al più presto il luogo dove si trova, allora potrebbe trattarsi di un segnale di scossa in arrivo.

Condividi su: