Bloccate le riprese del nuovo James Bond: “questo film è maledetto”

125

Condividi su:

Pare strano parlare di maledizioni, sventure e altre cose simili associate al nome del mitico agente segreto britannico Janes Bond, la spia più amata del cinema.

Eppure di recente è successa una anomalia durante le riprese, l’ennesima sventura che sta rendendo questa pellicola un vero calvario, si per l’attore Daniel Craig che per tutti gli altri membri e non dello staff.

La maledizione che sta colpendo il nuovo film di James Bond è cominciata così…

Durante le riprese svolte oltre oceano, nella soleggiata e caraibica Giamaica, Daniel Craig, l’attore che interpreta James Bond, è stato vittima di una brutta slogatura alla caviglia che ha di fatto bloccato le riprese del film.

La sfortuna li ha seguiti anche nel regno unito, dove egli Pinewood Studios tre enormi esplosioni hanno distrutto il set, tutto questo è costato un danno per milioni di euro ed il ferimento di membro della troupe.

Dalle prime ricostruzioni si evince che il problema è sopravvenuto quando si stavano testando degli effetti scenici tra cui una palla di fuoco che doveva distruggere un laboratorio mentre l’esplosione è stata incontrollata e qualcosa è andato storto.

«Ci sono state tre forti esplosioni una dopo l’altra – ha raccontato la solita fonte anonima al tabloid – e sono venuti giù una parte del tetto del set e dei pannelli di muro. È scoppiato il caos, uno dello staff è rimasto ferito e ora il posto è in totale isolamento». Poco dopo la produzione ha rassicurato tutti con un post su Twitter, specificando che «non ci sono stati altri danni alle persone presenti sul set e il membro della troupe che si trovava all’esterno ha riportato solo una lieve ferita». Malgrado tutte le difficoltà che sta incontrando la realizzazione di Bond 25 (l’ultimo con Daniel Craig protagonista), la produzione ha per ora deciso di non spostare la data di uscita del film, prevista per l’8 aprile 2020.

Trailer

Condividi su: