Liberato dopo 50 anni di catene: il suo pianto ha immobilizzato il mondo. Fa riflettere…

1624

Condividi su:

Una storia commovente che arriva dall’India e che ci fa capire quanto sia importante amare gli animali.

L’agonia dell’elefante Raju è durata 50 anni. 50 anni di catene e maltrattamenti. 50 anni passati a mendicare per far divertire i turisti per le strade indiane. Ora la storia di Raju ha preso un’altra via: è stato liberato dai volontari dell’organizzazione Wildlife Sos e oggi vive, protetto e in dignità, in una riserva naturale vicino a New Delhi. Raju è un esemplare di pachiderma indiano estremamente sensibile e intelligente: quando i volontari gli hanno tolto le catenel’animale ha pianto. Il suo viso si è rigato di lacrime di gioia: Raju ha capito in quel momento che un vita libera stava per arrivare e ha espresso tutta la sua gratitudine piangendo. Un gesto che ha stupito tutti.

L’elefante sarebbe stato strappato alla madre da cucciolo, come accade nella maggior parte dei casi, quando uomini senza scrupoli pensano che sia normale decidere la vita di un altro essere su questa Terra. In tutto ha avuto 27 proprietari che lo hanno maltrattato e lo hanno costretto a chiedere l’elemosina per strada: per far divertire i passanti, Raju aveva imparato a prendere le monetine con la proboscide.

Uno dei soccorritori ha dichiarato: “Raju era in catene 24 ore al giorno, un atto di crudeltà intollerabile. Il team è rimasto pieno di stupore quando ha visto le lacrime durante il salvataggio. È stato incredibilmente emozionante. Sapevamo nei nostri cuori che si era reso conto di essere finalmente libero. Gli elefanti sono animali maestosi e molto intelligenti. Possiamo solo immaginare cosa abbia significato per lui patire mezzo secolo di torture. Fino al nostro arrivo, non aveva mai camminato libero dai suoi ceppi. Ma oggi sa cosa sia la libertà“. Parole commoventi che non possono passare inosservate nel cuore di tutti noi.

Condividi su: