Brutte sorprese per tutto il mese di Marzo

1963

Il mese di Marzo potrebbe prossimamente evolversi subito all’insegna della forte instabilità a causa di una maggiore ingerenza del flusso instabile di origine Atlantica, il grande assente delle ultime settimane.

Ci aspettiamo infatti una raffica di perturbazioni pronte ad investire l’Italia con tanta pioggia e rovesci, intervallate da fasi soleggiate, in particolare sulle regioni del Nord almeno per tutta la prima decade. Più stabile con tanto sole invece sul resto della Penisola maggiormente protetto dallo scudo dell’Alta Pressione con temperature prossime ai 20°C.

Americano per le previsioni globali (GFS) intorno alla metà di Marzo si prospetta un vero e proprio scombussolamento: insomma, l’inverno può ancora fare la voce grossa.
Per meglio analizzare la previsione dobbiamo allargare lo sguardo all’interno continente europeo dove possiamo vedere il flusso perturbato atlantico, comandato dalla depressione d’Islanda, scendere vistosamente di latitudine puntando dapprima le Isole Britanniche e la Francia e successivamente anche l’Italia. L’aria instabile, entrando dalla valle del Rodano dalla giornata di Mercoledì 13 Marzo, darà vita ad un vortice sul mar Ligure che si sposterà poi verso l’Adriatico innescando di conseguenza una fase di maltempo con rovesci e temporali prima sulle regioni del Nord in rapida estensione al resto della Penisola.

Nel suo incedere questo vortice ciclonico attirerà correnti d’aria via via più fredda dai quadranti settentrionali, per questo motivo le temperature sono previste in forte calo con la neve che potrebbe fare la sua comparsa fino a quote molto basse sia sulle Alpi che sui settori adriatici.

Insomma, un colpo di coda dell’inverno proprio quando la stagione primaverile sta già avanzando.